Presentazione

L' Istituto Comprensivo Maria Montessori, ha sede in
via Montessori n.10, Bollate -Milano
telefono 023502856, fax 0233300186
email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .
È diretto dalla Dottor Fancesco Muraro.


Scuola dell'Infanzia "Vittorio Bachelet"

foto bachelet

VAI AL SITO

via Verdi, 25 - Bollate
tel. 02-33300940
email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
visualizza la mappa  

Vittorio Bachelet (Roma, 20 febbraio 1926 – Roma, 12 febbraio 1980)
Aveva la capacità di vivere la fede con gioia e con impegno, di sognare il futuro, l’appassionato impegno civile, politico e religioso, lo sforzo culturale visto come opportunità e strumento per leggere i segni dei tempi ed essere nel mondo in modo vigile, attento a valutare i problemi e a proporre soluzioni... Fu ucciso in nome di quei valori laici di libertà e democrazia, di giustizia e di pace per i quali aveva operato.

fonte: Wikipedia


Scuola Primaria "Maria Montessori"

foto bachelet

VAI AL SITO

via Montessori, 10 - Bollate
tel. 02-3502856
email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
visualizza la mappa

Maria Montessori (Chiaravalle, 31 agosto 1870 – Noordwijk aan Zee (Olanda), 6 maggio 1952) Iscrivendosi alla Facoltà di Medicina dell'Università "La Sapienza" diventa, nel 1896, la prima donna medico dopo l'unità d'Italia. Si dedica al recupero dei bambini con problemi psichici, da lei definiti anormali. Nel 1907, a San Lorenzo, apre la prima Casa dei Bambini, in cui applica una nuova concezione di scuola d'infanzia. Il pensiero pedagogico montessoriano parte dallo studio dei bambini con problemi psichici, espandendosi successivamente allo studio dell'educazione per tutti i bambini. La Montessori stessa sosteneva che il metodo applicato su persone subnormali aveva effetti stimolanti anche se applicato all'educazione di bambini normali.

fonte: Wikipedia


Scuola Secondaria Secondaria di Primo Grado "Eugenio Montale"

foto bachelet

Eugenio Montale (Genova, 12 ottobre 1896 – Milano, 12 settembre 1981) Nasce a Genova nel 1896 da un'agiata famiglia borghese. Pur frequentando scuole tecniche, coltiva interessi letterari,studia musica e canto e presto si dedica completamente alla poesia e alla letteratura. Tornato a Genova dopo la guerra, durante la quale è stato ufficiale al fronte, frequenta gli ambienti letterari e conosce fra gli altri Italo Svevo, di cui apprezza, per primo in Italia, l`opera e lo stile. Nel 1925 pubblica il suo primo libro di versi, "Ossi di seppia", e si trasferisce a Firenze, dove collabora a importanti riviste letterarie. Nel 1929 è nominato direttore della biblioteca del Gabinetto Visseux di Firenze, ma nel 1938 perde il posto per il suo impegno antifascista e vive grazie a collaborazioni editoriali e traduzioni di testi letterari. La sua seconda raccolta, "Le occasioni", lo conferma esponente di spicco della nuova poesia italiana. Dopo la guerra Montale si iscrive al Partito di azione, ma la sua esperienza politica è breve; ben presto si dedica al giornalismo, collaborando al "Corriere della Sera", e nel 1967 è nominato, per i suoi meriti letterari, senatore a vita. Muore a Milano, dove si era trasferito da oltre vent'anni, nel 1981. Negli anni Sessanta e Settanta pubblica altre importanti raccolte di poesie, fra cui "Satura", dedicata alla moglie morta. Nel 1975 riceve il premio Nobel per la letteratura. Nel discorso tenuto in occasione della consegna del premio Nobel Montale dice:"...io sono qui perché ho scritto poesie,un prodotto assolutamente inutile, ma quasi mai nocivo e questo è uno dei suoi titoli di nobiltà".